Italiano

La cerimonia inaugurale della Sala Consiliare

sabato, 08 febbraio 2014

 

"Tutti possono migliorare a dispetto delle circostanze e raggiungere il successo se si dedicano con passione a ciò che fanno" - Mandela

 

Sabato 8 Febbraio 2014, alle ore 16, si è svolta la cerimonia inaugurale dei lavori di rinnoco della Sala Consiliare e degli interni del Municipio, alla presenza di:

  • Sergio BOLZONELLO ( VicePresidente della Regione)
  • Alessandro CIRIANI (Presidente della Provincia)

 

I lavori sono stati eseguiti direttamente dai membri del Consiglio Comunale e grazie alla donaqzione dei materiali necessari da aziende locali; il tutto si è svolto con un grandissimo contenimento delle spese da parte dell'Ente. 

 

 

Discorso del Sindaco:

 

Buongiorno e benvenuti tutti, grazie per essere qui così numerosi a questa cerimonia di inaugurazione dei lavori di ristrutturazione della sede Municipale.

Permettetemi di ringraziare tutti voi presenti in particolare il Vice-Governatore della Regione Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello, i rappresentanti del Consiglio regionale, il Presidente della Provincia di Pordenone ed i numerosi Sindaci presenti.

 

E’ per noi motivo di orgoglio vedere che, i rappresentanti delle Istituzioni Regionali e Provinciali, hanno accettato l’invito e qui con la loro presenza ci dimostrano la vicinanza in una giornata, dove festeggiamo questo traguardo che come Consiglio Comunale abbiamo raggiunto e tanto desiderato!

 

Ad alcuni potrà sembrare un eccesso aver investito risorse nella sistemazione della sala consiliare, taluni possono aver pensato che c’erano altre opere prioritarie e magari si può essere giunti a delle conclusioni senza però conoscere i dettagli e gli importi dell’operazione.

 

Noi, Consiglio Comunale di San Giorgio della Richinvelda, sulla scia di quanto dicevamo i vecchi “dal cortile vedi l’identità della famiglia” abbiamo voluto iniziare il nostro impegno amministrativo proprio dalla sede municipale e dalle scuole (nelle quali abbiamo messo tante risorse per dotarle della connessione internet, nella sistemazione delle strutture, nel miglioramento del parco e dei campetti). 

 

E’ dalla sede che abbiamo iniziato a collaborare con i nostri uffici e con i servizi tecnici i quali hanno subito compreso la necessità di riorganizzazione. Il magazzino comunale è stato il primo ad essere ripulito e riformato.

Io stesso poi ho insistito affinché si procedesse nella sistemazione della sala consilare, come abbiamo visto poc’anzi nella presentazione dei lavori, che si sono tradotti nel grande impegno, nostro e diretto, aveva assoluto bisogno di pulizia e rinnovamento!

La moquette era datata e sporca, la sala squallida e tetra, non potevamo ospitare altri Sindaci, creare delle riunioni sul nostro territorio oppure eventi e/o delle mostre ma nemmeno poter ospitare il futuro Consiglio dei piccoli, per il quale abbiamo appena gettato le basi.

 

Così, grazie alle numerose aziende che ci hanno sostenuto, dimostrandoci fiducia, abbiamo ottenuto, dove possibile, i materiali necessari.  L’entusiasmo che contraddistingue il nostro gruppo poi è stato l’arma vincente di tutta l’opera, infatti, a turno e armandoci di pazienza compatibilmente con gli impegni del lavoro, di giorno e di sera talvolta anche di notte si sono fatti i lavori che portano oggi la sala in questo splendore.

 

La trasparenza ci contraddistinguerà sempre pertanto vi diciamo oggi che la spesa totale per i materiali e per l’intervento d’insonorizzazione del bagno attiguo, ammonta a 4011,13 euro, la manodopera a zero! Pensate ad un preventivo di 40.000

 

Andiamo orgogliosi di aver dato al Comune una sala così bella, che rispetteremo e ameremo, proprio perché fatta con le nostre mani.

 

In conclusione, ci tengo a fare una riflessione per spiegare perché questo intervento che per noi si è tradotto in una sfida al patto di stabilità, strumento che sta davvero paralizzando la possibilità di mettere in cantiere opere e con esso, le idee dell’amministrazione!

 

Questo strumento a detta nostra folle, ci sta impedendo di compiere opere significative soprattutto per la tutela del territorio e della nostra popolazione, ecco che abbiamo deciso di sporcarci le mani per dimostrare a noi stessi ed ai nostri cittadini che non abbiamo paura di fare, anzi vorremmo fare il triplo di quello che abbiamo già fatto.

 

Approfitto anche a nome dei tanti amministratori presenti per chiedere al Vice-Governatore e amico Sergio Bolzonello un impegno nel riportare questa ansia di tanti amministratori nei tavoli regionali e nazionali, per continuare una discussione che possa portare ad allentare tale provvedimento e che permetterebbe di immettere liquidità al sistema economico, rilanciando in parte il lavoro.

 

Sul tavolo centrale della sala come nostro desiderio, ci sarà sempre la Costituzione Italiana, per ricordare i valori della stessa, i principi fondamentali su cui si basa la nostra Nazione. La  Costituzione deve tornare ad avere il ruolo che le appartiene, perché troppo spesso la si sente attaccata.

 

Non voglio dilungarmi oltre, permettetemi di fare una riflessione a voce alta: l’esperienza che ci ha visti lavorare insieme ci ha permesso di saldare il gruppo (o meglio l’amministrazione Comunale); abbiamo rafforzato i nostri rapporti umani in una situazione diversa e questo credo sia stata una tappa importante del nostro percorso, perché, senza i rapporti umani solidi, non c’è alcuna strategia politico-amministrativa che possa funzionare!

 

Ma oggi più che mai voglio ringraziare chi ci ha portato il caffè e i biscotti durante i lavori, sempre con il sorriso, e che ci ha lasciato troppo presto, Marina! Ecco che i girasoli, hanno un senso, ed il grazie va anche ad Ivan, sempre presente nei lavori e che per sua volontà oggi siamo qui e non abbiamo rimandato la cerimonia.  Un applauso.

 

Ancora un grazie finale a coloro che ci sostengono ed alle aziende che in qualsiasi misura ci hanno aiutato, un grazie alle nostre famiglie per non averci visto nel periodo natalizio, un ringraziamento a chi ha amministrato prima di noi, a coloro che ci criticano sempre, è anche grazie a loro che troviamo l’energia necessaria per fare meglio, e un particolare grazie grande a coloro che ci sostengono e che ci comprendono! Indimenticabili sono le associazioni con le quali vogliamo condividere il futuro del nostro territorio, che con la sua identità e specificità, deve ancora essere scoperto!

 

Grazie!